LeU, Nencini: atteggiamento comunista. Favoriscono Berlusconi, Meloni, Salvini e M5S

“E’ un pessimo vizio della sinistra italiana la divisione tra sinistra massimalista e sinistra riformista che percorre l’intera storia del socialismo italiano e della sinistra italiana e che ora si va ripresentando in maniera tagliente in questa coda di campagna elettorale. Il partito di Grasso e di D’Alema ormai ha scelto attacchi frontali quotidiani contro la sinistra delle riforme”. Così Riccardo Nencini, promotore della lista di ispirazione ulivista ‘Insieme’, ha detto in un video messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook, riferendosi agli attacchi di LeU di questi giorni alla notizia dell’endorsement di Romano Prodi a Bologna di sabato scorso per ‘Insieme’, dove era presente anche il premier Paolo Gentiloni.

“Oggi verso Gentiloni, ieri verso Romano Prodi – ha aggiunto Nencini – è uno stile, una pratica vetero comunista che ricalca l’esperienza del passato, quelle esperienze che la storia ha già condannato perché a Livorno nel 1921 la scissione del socialismo italiano vide storicamente vincere Turati e perdere sconfitti, dalla storia oltre che dalla cronaca, i comunisti e il comunismo in Italia e nel mondo. Oggi – ha proseguito – rischiamo di fare un grande favore alla destra, è inutile girarci intorno. Se D’Alema e Grasso continuano ad attaccare quotidianamente la sinistra riformista e il suo presidente del consiglio il favore lo faranno a Salvini, a Berlusconi, alla Meloni, ai grillini. Proprio in un momento in cui si fronteggiano due schieramenti che hanno valori e principi di riferimento alternativi se non conflittuali. Un errore – ha concluso Nencini –  che in Italia ha prodotto fratture terribili nel passato e che rischiano di riprodursi proprio il 4 marzo durante il voto”

Join the discussion 3 Commenti

  • sandro rinaldi ha detto:

    Caro riccardo la genetica del comunista radicale ha la malformazione mentale di possedere la egemonia assoluta della verita’ . Nessun dialogo e’possibile. Buon lavoro

  • Davide Zerillo ha detto:

    Ben detto!!!
    La sinistra massimalista e comunista ha fallito in tutto il mondo; la sinistra che ci vuole per cambiare le cose, è quella socialista e riformista!!!

  • Chiara Rampogna ha detto:

    Io penso invece che i Verdi dovrebbero per logica essere molto piu’ vicini al comunismo che al socialismo

Lascia un commento